• SPAZIOCONFINATO.IT sarà presente a Ambiente Lavoro 2018

    SPAZIOCONFINATO.IT sarà presente a Ambiente Lavoro 2018

  • L'Ing. Bacchetta relatore all'ISRP Spring Seminar

    L'Ing. Bacchetta relatore all'ISRP Spring Seminar

    Lo scorso 25 aprile, l'ing. Bacchetta è stato invitato come relatore all'ISRP Spring Seminar...

    Leggi tutto

  • AGGIORNAMENTI CODICE PRIVACY

    AGGIORNAMENTI CODICE PRIVACY

    Dal 25 maggio 2018...

    Leggi tutto

  • CONCLUSO CON SODDISFAZIONE IL DECIMO CORSO CORSO SUL D.P.R. 177/2011

    CONCLUSO CON SODDISFAZIONE IL DECIMO CORSO CORSO SUL D.P.R. 177/2011

    Si...

    Leggi tutto

Chi Siamo

Dopo diversi anni di impegno e costante attenzione al problema, Spazioconfinato.it rappresenta il punto di riferimento a livello nazionale per tutti coloro che si occupano, a vario titolo, delle attività nei Confined Spaces e contribuisce alla discussione tra chi ha avuto necessità di occuparsi della gestione degli interventi negli spazi confinati, offendo un ambito di confronto per le proprie conoscenze ed esperienze nello specifico settore.

Leggi tutto

Attività

Spazioconfinato.it nasce con lo scopo di stimolare la discussione tra chi ha avuto necessità di occuparsi della gestione degli interventi negli ambienti sospetti di inquinamento o confinati, offrendo un ambito di confronto per le proprie conoscenze ed esperienze nello specifico settore.

Leggi tutto

Prossimi corsi

Nessun evento

Presentate a Bologna le nuove indicazioni operative negli ambienti confinati

Lo scorso 20 giugno a Bologna all’auditorium Enzo Biagi, si è svolto il convegno “Dall’uomo talpa alla talpa meccanica - La sicurezza dei lavori in cunicoli , pozzi, trincee - Lo stato dell’arte e le soluzioni tecnologiche possibili”.

Obiettivo del convegno era sensibilizzare tutti gli attori coinvolti (Committenti pubblici e privati, Progettisti, Affidatarie ed esecutrici, Coordinatori della sicurezza), fornendo lo stato dell’arte delle misure di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori attualmente adottate, nonché delle migliori tecnologie disponibili potenzialmente adottabili, con la finalità prioritaria di evitare la presenza degli addetti all’interno degli scavi.

Tra i vari relatori che si sono avvicendati sul palco, la Dott.ssa Patrizia Ferdenzi (UOPSAL AUSL Reggio Emilia) ha presentato le nuove “Indicazioni operative in materia di igiene e sicurezza sul lavoro negli ambienti confinati”. Questo documento, frutto dell’attività del gruppo di lavoro interistituzionale, denominato “Ambienti Confinati”, insediato dal Comitato Regionale di Coordinamento ex art. 7 del D.Lgs 81/08 della Regione Emilia Romagna, si propone quale contributo tecnico per ampliare il ventaglio degli strumenti informativi attualmente disponibili sul tema delle attività negli ambienti sospetti di inquinamento o confinati di cui al DPR 177/2011.

Senza la presunzione di proporre un documento innovativo, perché è già vastissima la bibliografia e la documentazione a disposizione su questo argomento, il gruppo di lavoro si è dato l’obiettivo di fornire alle aziende ed ai lavoratori una sintesi di indicazioni semplici e pratiche sulle procedure operative e sui mezzi necessari a lavorare in regime di massima sicurezza in tali ambienti. Al di là delle specifiche indicazioni tecniche e procedurali trattate, il gruppo di lavoro già nell’ambito della premessa, rileva quale sia l’approccio di fondo che sottende al lavoro svolto. Si tratta di un approccio dettato dal D.Lgs 81/08 il quale innanzitutto, all’art. 15 com. 1, lett. c, impone l’eliminazione dei rischi in base al progresso tecnico. Per i lavori negli ambienti confinati c’è un solo modo per eliminare il rischio alla fonte: eseguire i lavori rimanendo all’esterno. Il progresso tecnico, come dappertutto, anche in questo campo sta evolvendo ed è bene ricordare che l’art. 15 detta obblighi e non opzioni.

Pertanto, per i lavori in ambienti confinati, considerando gli elevati rischi per la sicurezza e salute in gioco, la valutazione delle modalità di lavoro scelte rispetto alle tecnologie disponibili diventa il punto centrale, al quale gli organi di vigilanza presteranno particolare attenzione. In altri termini è il datore di lavoro che deve dimostrare che per l’esecuzione dei lavori non vi è alternativa all’accesso. In tal caso è sempre il citato art. 15 che detta l’orientamento generale: eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, loro riduzione al minimo in base al progresso tecnico. In questo caso tuttavia la mera applicazione del progresso tecnico è una condizione necessaria, ma non sufficiente.

Gli interventi negli ambienti confinati richiedono, oltre all’applicazione della migliore tecnologia, anche una gestione della prevenzione nella quale la conoscenza dei rischi, la formazione e l’addestramento, integrati in una organica progettazione, sono fondamentali.

Files:
Convegno a Bologna - 20 giugno HOT

Presentazione a Bologna delle nuove indicazioni operative negli ambienti confinati

Data 2013-07-16 Dimensioni del File 904.74 KB Download 763 Scarica

 

Documenti

Scarica i nostri file o documenti utili presenti in archivio

Leggi tutto

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sui nostri corsi ed eventi in programma

Leggi tutto

Case history

Analizzeremo le attività curate da Spazio Confinato.

COMING SOON

Community

Oggi la comunicazione e il libero scambio di informazioni tra operatori del settore costituiscono una parte essenziale nella formazione di ognuno di noi..

Leggi tutto

Come collaborare con noi

Oggi la comunicazione e il libero scambio di informazioni tra operatori del settore costituiscono una parte essenziale nella formazione di ognuno di noi. Proprio per questo, spazioconfinato.it rappresenta un punto di riferimento per chi ha necessità di reperire informazioni qualificate relative alle attività nei confined spaces e vuole condividere la sua esperienza con altre persone che si occupano di tali attività.

Leggi tutto

  • Banner3
  • Banner4
  • Banner6
  • Ps
  • Banner7
  • Logo Lineavita
  • Logo Eursafe Fondo Bianco Inserzioni